Presentazione

Il dottorato internazionale in Studi germanici e slavi/Germanic and Slavic Studies è un corso di dottorato congiunto con doppio titolo fondato in consorzio dalla Sapienza Università di Roma e dalla Charles University di Praga (https://germanoslavistika.ff.cuni.cz/).

L'ambito disciplinare in cui il corso si colloca coincide con il macrosettore concorsuale M10: comprende gli studi su culture, lingue e letterature germaniche e slave, dalle testimonianze più antiche di queste lingue e culture alla contemporaneità.

L'ammissione al corso avviene in seguito a una selezione pubblica svolta presso una delle due sedi, su bando separato.

Fra gli indirizzi di ricerca proposti spiccano la ricerca filologica, linguistica e critico-letteraria, in ambito tematico, figurativo, formale, linguistico, retorico e didattico; l’ambito degli studi centroeuropei, in base a un principio storico-letterario e storico-culturale, dalla tradizione medievale da cui procedono le letterature e culture delle diverse lingue della tradizione del Sacro Impero germanico fino ai nostri giorni; gli studi culturali e interculturali, con gli interscambi di codici, paradigmi, modelli interpretativi nell’area germanica e slava e nel contatto con aree esterne, in una prospettiva interdisciplinare. La ricerca linguistica prevede l’analisi metalinguistica delle lingue dei gruppi germanico e slavo; può essere inoltre approfondito lo studio della traduzione, nelle sue molteplici articolazioni e nelle applicazioni multimediali.
Lezioni e seminari si tengono prevalentemente in inglese o nella lingua di specializzazione soprattutto a partire dal secondo anno di corso, quando sono frequentate per almeno un semestre presso la sede partner. I dottorandi trascorrono almeno 12 mesi all'estero; la mobilità è sostenuta grazie ad accordi Erasmus+ e altri accordi con università e enti di ricerca dell'Europa centrale e orientale.

La dissertazione finale è scritta in inglese o nella lingua di specializzazione del dottorando, seguito da un supervisor presso la sede di ammissione e un supervisor presso la sede partner.
 
Obiettivo del corso di dottorato internazionale in Studi germanici e slavi è formare ricercatori con una profonda competenza negli studi germanici o negli studi slavi e una solida competenza comparatistica, che tenga conto delle numerose intersezioni fra le culture slave e le culture germaniche continentali in Europa. Ciò allo scopo di formare ricercatori con una solida competenza specialistica, in grado di inserirsi proficuamente tanto nel contesto di ricerca centroeuropeo quanto in quello italiano; tenendo conto anche della recente creazione in Italia del macrosettore concorsuale M10, comprendente competenze sia germanistiche sia slavistiche.

Il curriculum di Studi germanici punta a favorire l'acquisizione della padronanza di strumenti critici e competenze di ricerca specialistica nell’ambito delle culture, delle lingue, dei testi e delle opere letterarie in una o più lingue germaniche (tedesco nelle sue varianti, danese, norvegese, svedese, nederlandese, afrikaans). Le letterature, lingue e culture delle lingue germaniche sono approfondite singolarmente, ma studiate nel più vasto contesto dell’area germanica e slava, in un’ottica comparatistica.

Il curriculum di Studi slavi punta a favorire l'acquisizione della padronanza di strumenti critici e competenze di ricerca specialistica nell’ambito delle culture, delle lingue, dei testi e delle opere letterarie in una o più lingue slave (bulgaro, ceco, polacco, russo, serbo-croato [BCMS], slovacco, sloveno, ucraino; per quanto riguarda la fase antica e media, lo slavo-ecclesiastico). Le letterature, lingue e culture delle lingue slave sono approfondite singolarmente, ma studiate nel più vasto contesto dell’area germanica e slava, in un’ottica comparatistica.


In evidenza



¬© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma