Offerta formativa programmata


Elenco dei corsi/attività primo anno

titolocrediti
Analisi di serie temporali con Matlab 2
Fondamenti di modellazione in Petrel 1
Creazione e uso dei database nelle Scienze della Terra 1
Escursione didattica di interesse geochimico, vulcanologico e archeometrico nella Provincia Romana 1
How to make a good presentation, write research proposal and scientific article 1
Data plot & analysis via Python 1

Eventuali maggiori informazioni per le voci sopra elencate

I dottorandi devono seguire i corsi proposti dal Collegio Docenti (v. sopra) con frequenza obbligatoria pari a 2/3 delle ore di didattica offerte e possono anche integrare la loro formazione con insegnamenti a scelta fra quelli istituzionali previsti per le lauree magistrali e per il dottorato che si tengono in Sapienza o in altre sedi universitarie.
Inoltre i dottorandi sono fortemente incentivati a frequentare i numerosi seminari tenuti da docenti interni e ricercatori italiani e stranieri che si svolgono ogni anno nel Dipartimento di Scienze della Terra. Tali seminari, tuttavia, non sono programmabili con largo anticipo perche' fanno parte di attivita' di collaborazione scientifica, progetti nazionali e internazionali, giornate di studio delle societa' e gruppi informali nell'ambito delle Scienze della Terra, dell'Ambiente e dei Beni culturali.


Modalità di scelta del soggetto della tesi

Ogni dottorando propone un proprio progetto di ricerca originale tramite una relazione scritta e una presentazione orale al Collegio Docenti. Nella presentazione devono essere ben chiari e distinti: obiettivi, stato dell'arte, attivita' sperimentali, risultati attesi, innovazione rispetto allo stato dell'arte, attività didattiche, mobilità internazionale, cronoprogramma.
Il Collegio dei docenti valuta il progetto, suggerisce modifiche, lo approva e propone un supervisore (Docente Guida) incaricato di seguire il corretto svolgimento del progetto in corso d'opera.


Modalità delle verifiche per l'ammissione all'anno successivo

Alla fine del primo anno ogni dottorando consegna al Collegio Docenti una relazione scritta ed espone una presentazione orale contenenti il riassunto delle attività svolte (didattica e ricerca) e i risultati acquisiti durante l'anno. Il Docente Guida parallelamente invia al Collegio un breve giudizio sulle attività svolte dal dottorando e sul suo comportamento. Il Collegio Docenti valuta le attivita' di ricerca e di didattica svolte e i risultati raggiunti rispetto al progetto presentato in fase iniziale e propone, nel caso di esito positivo della valutazione, l'ammissione all'anno successivo.


Elenco dei corsi/attività secondo anno

titolocrediti
Visualizzazione dati scientifici 3
Escursione geologica interdisciplinare 3
Visita alla Sala sismica e al Laboratorio di Meccanica delle rocce in HT-HP dell'INGV 1
Ricostruzioni Paleoambientali e Paleoclimatiche 1
Corso di Geomagnetismo 1
Applicazioni GIS 1

Eventuali maggiori informazioni per le voci sopra elencate

Nel secondo anno viene data preminenza alle attivita' teorico-pratiche di formazione alla ricerca, integrate da periodi di formazione fuori dalla sede, in Italia o all'estero, per acquisire conoscenze, competenze e capacita' non disponibili in sede.

Modalità di preparazione della tesi

Dopo aver sviluppato nel primo anno la revisione critica del panorama di conoscenze esistenti sull'argomento scelto, il lavoro prosegue con l'acquisizione di dati sperimentali originali e la loro interpretazione, avvalendosi anche, se occorre, dell'esperienza del Docente Guida. Il Collegio Docenti supervisiona in itinere il processo di preparazione della tesi e le attivita' dei dottorandi.

Modalità delle verifiche per l'ammissione all'anno successivo

Alla fine del secondo anno ogni dottorando consegna al Collegio Docenti una relazione scritta ed espone una presentazione orale contenenti il riassunto delle attività svolte (didattica e ricerca) e i risultati acquisiti durante l'anno. Il Docente Guida parallelamente invia al Collegio un breve giudizio sulle attività svolte dal dottorando e sul suo comportamento. Il Collegio Docenti valuta le attivita' di ricerca e di didattica svolte e i risultati raggiunti rispetto al progetto presentato in fase iniziale e propone, nel caso di esito positivo della valutazione, l'ammissione all'anno successivo.


Elenco dei corsi/attività terzo anno


Eventuali maggiori informazioni per le voci sopra elencate

Nel terzo anno viene data preminenza alle attivita' teorico-pratiche di elaborazione dei dati sperimentali e modellizzazione dei fenomeni studiati, propedeutici alla stesura della tesi.

Modalità di ammissione all'esame finale

Alla fine del terzo anno ogni dottorando deve preparare la tesi di dottorato e una relazione scritta inerente le attivita' didattiche e di ricerca svolte durante l'anno, i risultati raggiunti e la mobilità internazionale. La tesi e la relazione vengono inviate a due valutatori esterni, italiani o stranieri, incaricati di far pervenire al Collegio un giudizio critico sulla tesi di dottorato e sull'impegno complessivo del dottorando. In caso di giudizio positivo e dopo aver ascoltato la presentazione orale dei risultati finali da parte dei dottorandi, il Collegio Docenti li ammette all'esame finale. In caso di giudizio negativo di uno o entrambi i revisori il Collegio delibera di prorogare di 6 mesi il sostenimento dell'esame finale.


Modalità di svolgimento dell'esame finale

L'esame finale per il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca avviene davanti ad una commissione nazionale composta da tre membri, di cui uno interno e due esterni alla Sapienza, designata dal Consiglio di Dipartimento e nominata dal Rettore. Viene data possibilita' ai candidati di presentare un seminario introduttivo sui risultati finali ottenuti durante il dottorato di ricerca, cui segue la discussione e la valutazione finale della commissione.

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma