Relazione annuale

L'anno accademico 2020-2021 ha visto un graduale ritorno alla normalità, dopo una lunga fase di transizione. Le lezioni, le riunioni del collegio, i ricevimenti dei dottorandi si sono svolti in maniera ibrida, sia in presenza che a distanza. Sono ripresi i viaggi di ricerca, le partecipazioni ai convegni nazionali e internazionali, la partecipazione a iniziative didattiche in Italia e all’estero. Sul piano didattico gran parte delle iniziative programmate è stata realizzata utilizzando le strumentazioni informatiche per l'insegnamento a distanza. Se durante l’anno accademico precedente molte attività che prevedevano la presenza presso l'Ateneo di docenti e ricercatori non italiani, sia per lezioni sia per attività seminariali e convegnistiche, erano state cancellate o rimandate, durante questo anno accademico abbiamo cominciato di nuovo ad accogliere visiting e docenti per conferenze o per incontri di studio.

Pur nella difficoltà obiettiva dovuta alla pandemia, il collegio docenti e i tutor delle singole tesi hanno mantenuto un rapporto costante con gli allievi e le allieve del dottorato, sia nella fase di prevalutazione intermedia di giugno, sia in quella di fine anno a cavallo fra settembre e ottobre. Il collegio ha dato seguito con la massima attenzione alle richieste di proroga avanzate in conseguenza dei DM, riconoscendo tutte le richieste a seguito di congrua motivazione. Sul piano della ricerca i dottorandi hanno lamentato il perdurare di difficoltà dovute alla chiusura o limitazione dell’apertura degli archivi.

Fra le novità si segnala l’acquisizione di due borse PON, che pongono il dottorato al passo con le sfide intellettuali e di ricerca riferite alle tematiche della difesa ambientale e della salute collegata alla sostenibilità. Si consolida la presenza di dottorandi internazionali nell’ambito della preziosa collaborazione all’interno della Scuola di dottorato interfacoltà Mediatrends.
Continua il monitoraggio della produttività del collegio e dei/lle dottorandi/e, incoraggiati a produrre pubblicazioni e a partecipare a iniziative scientifiche che diano luogo alla compilazione di atti: ciò ha comportato un buon livello di conferimento di prodotti in IRIS. Si torna a segnalare che i dottori e le dottoresse di ricerca, pur essendo presenti nelle banche dati e fatti oggetti di valutazione, non possono conferire i propri prodotti in Iris essendo tecnicamente privi delle credenziali e degli strumenti di accesso.

L'esito di questa operazione porta risultati significativi, sia a livello di collegio docenti, sia a livello di allievi:

• le attività di ricerca dei dottorandi del XXXIV ciclo hanno prodotto le pubblicazioni elencate nelle schede individuali, per complessivi 29 prodotti conferiti

• le attività di ricerca dei dottorandi del XXXV ciclo hanno prodotto le pubblicazioni elencate nelle schede individuali, per complessivi 74 prodotti conferiti

• le attività di ricerca dei dottorandi del XXXVI ciclo hanno prodotto le pubblicazioni elencate nelle schede individuali, per complessivi 30 prodotti conferiti

Nell’anno accademico 2020-2021 hanno conseguito il titolo di dottore/dottoressa di ricerca gli iscritti ai seguenti cicli:

31° ciclo:

- Giovanni Lella (cotutela Paris Sorbonne)

33° ciclo:

- Michela Cilenti
- Alessio Di Stefano
- Renata Gravina
- Silvia Fogliazza(cotutela Paris Nanterre)
- Dariush Rahiminia
- Martina Regis
- Giada Scotto
- Silvia Vacirca
- Alessandro Volpato
- Elisa Zanotto

Al momento del completamento delle pratiche di rinnovo alcuni degli iscritti del XXXIV ciclo stanno usufruendo delle proroghe previste in conseguenza dei DPCM Covid-19 e delle relative delibere degli organi collegiali di Ateneo. Alcuni hanno tuttavia conseguito il titolo di dottore/dottoressa di ricerca entro il mese di febbraio 2022.

34° ciclo:

- Anthony Gouthez
- Gabriele Mastrolillo
- Jacopo Ranzato
- Xie Sijie 

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma