Presentazione

L'obiettivo del programma del Dottorato in Medicina Sperimentale è quello di formare ricercatori con competenze specifiche nel settore sperimentale della Biomedicina. Il Dottorato rappresenta un progetto di integrazione interdisciplinare di un Collegio di Docenti il cui obiettivo didattico è quello di promuovere l'apprendimento di argomenti e di metodiche di ricerca biomedica e biotecnologica mirati a fornire alla clinica conoscenze e metodologie molecolari utili alla prevenzione, diagnosi e terapia di patologie genetiche, infettive, neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie. In particolar, nel corso di Dottorato, curriculum in "Medicina Sperimentale", verranno approfondite tematiche relative al controllo della crescita e del differenziamento cellulare, alla regolazione dell'espressione genica, alla patologia cellulare ed ultrastrutturale, alla patologia molecolare, alla virologia oncologica e alla immunovirologia. Nel curriculum in "Tecniche avanzate per la diagnosi e cura delle malattie cardiovascolari e polmonari", verranno selezionati dei percorsi teorico-pratici basati su strategie diagnostiche e terapeutiche dal laboratorio al letto del paziente. Nel Curriculum in “Tecnologie innovative in Medicina traslazionale” (sede Latina) verranno affrontate tematiche di patologia molecolare, oncologia molecolare e immunologia cellulare e molecolare attraverso l’uso di tecnologie avanzate di studio di cellule e tessuti, processi morfogenetici, differenziativi e di controllo della proliferazione, nonché di tecnologie di imaging funzionale. Al termine del corso, i dottorandi dovranno avere acquisito le nozioni di base relative agli argomenti affrontati, essere in grado di programmare e condurre un progetto di ricerca, di presentare i risultati a congressi nazionali ed internazionali, e di impostare la stesura di un manoscritto.


In evidenza

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma