FRANCESCA PAGLIARA

Dottoressa

ciclo: XXXII


tutor: Elisabetta Bonvino, Elena Nuzzo

Titolo della tesi: La competenza pragmatica per comunicare all'università: e-mail e colloqui di richiesta di studenti italofoni e internazionali

La competenza pragmatica per comunicare all’università: e-mail e colloqui di richiesta di studenti italofoni e internazionali Francesca Pagliara La presente ricerca è stata condotta con il fine di individuare i bisogni comunicativi degli studenti universitari parlanti nativi (PN) e paranti non nativi (PNN) di italiano, attraverso l’osservazione di tre fenomeni diversi: la percezione di ciò di cui si ha bisogno per comunicare efficacemente e adeguatamente all’università con un professore; la competenza pragmalinguistica necessaria per fare richieste in modo appropriato al contesto accademico, nella corrispondenza scritta e nella conversazione con il docente; la gestione delle sequenze di chiusura alla fine del colloquio con il docente. Per perseguire gli scopi dello studio sono stati impiegati due strumenti: un questionario per rilevare la percezione degli studenti riguardo ai propri bisogni comunicativi in ambito accademico e una raccolta di produzioni scritte e orali, su cui è stata condotta un’analisi testuale. I testi collazionati sono specificamente e-mail di richiesta inviate a docenti universitari e colloqui tra docenti e studenti. I testi degli studenti italofoni sono spontanei, mentre quelli degli studenti internazionali sono stati elicitati tramite task scritti e role-play. I risultati ottenuti mostrano che gli studenti universitari PN e i PNN siano mediamente competenti nella gestione della diafasia nello scritto e nel parlato formale. Per entrambi i gruppi, quindi, data la sovrapponibilità dei risultati ottenuti, l’analisi evidenzia che è possibile un raffronto tra esigenze glottodidattiche degli studenti PN e degli studenti PNN. Questo dato conferma l’assunto che la competenza diafasica delle varietà alte non fa parte della competenza linguistica naturale e spontanea, ma che, in un ipotetico continuum della competenza parlante nativo/parlante non nativo, le varietà formali della lingua costituiscano un’area di sovrapposizione, in cui tanto il parlante madrelingua quanto l’apprendente necessitano di istruzione. La sintesi dei risultati ottenuti da questa ricerca apre pertanto a una riflessione sull’opportunità di pensare ed elaborare strumenti di formazione specifici per l’italiano della comunicazione accademica, dedicati sia agli studenti italofoni sia a quelli in mobilità internazionale che entrano a far parte del sistema universitario italiano.

Produzione scientifica

  • 11573/1241285 - 2011 - Il riferimento indefinito in latino (01a Articolo in rivista)
    PAGLIARA, FRANCESCA
  • 11573/1241266 - 2018 - L’analisi dei bisogni nel tblt: un caso di studio sull’italiano come lingua della comunicazione accademica (01a Articolo in rivista)
    PAGLIARA, FRANCESCA
  • 11573/1241357 - 2019 - La codifica pragmalinguistica dell'atto di richiesta nelle e-mail degli studenti universitari italiani (04b Atto di convegno in volume)
    PAGLIARA, FRANCESCA
  • 11573/1507605 - 2021 - La competenza pragmatica per comunicare all'università: e-mail e colloqui di richiesta di studenti italofoni e internazionali (07a Tesi di Dottorato)
    PAGLIARA, FRANCESCA

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma