Offerta formativa programmata


Elenco dei corsi/attività primo anno

titolocrediti
Le parole chiave della politica 9

Eventuali maggiori informazioni per le voci sopra elencate

I dottorandi iscritti al primo anno sono chiamati a seguire un ciclo intensivo di lezioni, specificamente pensate per garantire un’adeguata introduzione metodologica e tematica ai principali ambiti disciplinari rientranti nel programma di dottorato: Storia moderna e contemporanea, Storia delle dottrine e delle istituzioni politiche, Filosofia politica, Sociologia generale, Sociologia dei fenomeni politici, Sociologia giuridica, Scienza politica, Economia dello sviluppo. Il ciclo di lezioni ha luogo dal mese di gennaio al mese di maggio di ciascun anno, con cadenza bi-settimanale, per un totale di almeno 72 ore di lezione, per lo più tenute dai docenti interni del Dottorato. Per garantire la massima sinergia tra le diverse aree disciplinari coinvolte nella formazione dottorale, il Collegio del Dottorato in Studi Politici individua all’inizio dell’anno accademico un tema-chiave di rilevanza interdisciplinare, attorno al quale far ruotare i contributi dei diversi docenti coinvolti nello svolgimento della didattica.
In ragione di particolari lacune del loro curriculum formativo e dei temi specificamente oggetto della ricerca dottorale, ai dottorandi del primo anno può essere suggerita la frequenza di uno o più corsi di carattere istituzionale concordati con il Collegio dei docenti e scelti tra quelli rientranti nell’offerta magistrale del Dipartimento di Scienze Politiche o degli altri Dipartimenti della Facoltà (Storia del pensiero politico contemporaneo, Sociologia Corso avanzato, Storia dei partiti e dei movimenti politici, Politica comparata, Storia delle relazioni internazionali, Teoria politica, Storia dell'Europa, Storia del pensiero politico dello sviluppo). In questo caso sarà cura dei titolari dei corsi stimolare una partecipazione interattiva dei dottorandi stessi, con la elaborazione e la presentazione pubblica di un paper su tematiche afferenti al loro specifico ambito di ricerca.
Gli studenti iscritti al primo anno di corso sono inoltre chiamati a partecipare alle iniziative didattiche generali organizzati dal Dottorato in Studi Politici (Convegni, Cicli seminariali, Conferenze, Lezioni Magistrali), nonché alle principali attività organizzate dagli altri corsi di dottorato afferenti alla Scuola di Dottorato Mediatrends.


Modalità di scelta del soggetto della tesi

La tematica oggetto della ricerca viene definita a partire dalle proposte presentate dai dottorandi in occasione dello svolgimento delle prove concorsuali, con il coinvolgimento del Collegio dei docenti. In tale attività si tiene conto della formazione del dottorando e della praticabilità della proposta presentata nei limiti temporali del dottorato.

Modalità delle verifiche per l'ammissione all'anno successivo

Il lavoro di ricerca svolto dai dottorandi viene seguito da tutor interni o esterni e sottoposto a verifiche trimestrali, in cui i candidati illustrano al Collegio dei docenti le metodologie seguite e i risultati conseguiti nel portare avanti la loro attività di ricerca.
Se lo studente supera positivamente le verifiche periodiche e dimostra assiduità e diligenza nel seguire i corsi e le attività formative promossi dal dottorato, il Collegio lo ammette all'anno successivo.



Elenco dei corsi/attività secondo anno


Eventuali maggiori informazioni per le voci sopra elencate

Ai dottorandi del secondo anno sono dedicati alcuni seminari tematici organizzati in continuità con le linee di approfondimento già definite nel corso degli anni precedenti (Metodologia della ricerca storica, Teoria politica e sociale contemporanea, Metodologie della ricerca sociale, Economia dello sviluppo, ecc.).Rispetto al piano formativo del primo anno, viene incentivato il coinvolgimento attivo dei dottorandi nello svolgimento dell'attività seminariale, in specifico riferimento alle linee di ricerca affrontate da ciascuno di essi nell'ambito della propria attività dottorale.
A queste attività si affiancano le iniziative didattiche generali organizzati dal Dottorato in Studi Politici e dagli altri corsi di dottorato afferenti alla Scuola di Dottorato Megatrends (Convegni, Cicli seminariali tenuti da docenti esterni, Conferenze, Lezioni Magistrali).
Gli iscritti del secondo anno hanno, altresì, la possibilità di scegliere attività formative integrative da seguire fuori sede, in Italia o all’estero, con il supporto economico del Dottorato. Il tutto al fine della massima personalizzazione possibile del percorso formativo dottorale.


Modalità di preparazione della tesi

A partire dal secondo anno i dottorandi si dedicheranno alla preparazione della tesi di dottorato. La redazione di tesi di ricerca può richiedere indagini sul campo, l'utilizzo di archivi nazionali o internazionali o l'approfondimento di aree di dibattito teorico, nazionali e internazionali. Il dottorato intende promuovere un attivo inserimento dei dottorandi nelle attività di ricerca condotte dal Dipartimento di Scienze politiche e dagli altri Dipartimenti della MacroFacoltà di Scienze politiche, Sociologia e comunicazione, e considera ciò parte integrante del percorso formativo programmato.
Allo scopo di incentivare la dimensione internazionale del programma di Dottorato, si prevede inoltre di attivare sinergie gestionali relative alla chiamata di Visiting Professor, al fine di consentire a docenti e studenti del Dottorato l'inserimento in reti di ricerca di portata transnazionale.
LA prospettiva di internazionalizzazione del Corso sarà anche rafforzata da un più deciso investimento nello strumento della cotutela dei dottorandi. Si verificherà altresì la possibilità di aprire il Collegio dei docenti a colleghi stranieri, attraverso la stipula di apposite convenzioni e accordi di programma con Atenei di altri paesi.


Modalità delle verifiche per l'ammissione all'anno successivo

Ogni studente sarà seguito da almeno un tutor e l'andamento del suo lavoro di ricerca sarà monitorato attraverso incontri periodici con il Collegio dei docenti, anche attraverso la predisposizione di relazioni scritte.
Al fine dell'arricchimento e della personalizzazione del percorso formativo ciascun dottorando sarà incentivato a trascorrere periodi di studio in Università straniere, a partecipare a scuole estive, convegni e seminari, nonché allo svolgimento di stage di ricerca presso enti, organizzazion ed istituzioni accreditati dal Corso di dottorato.
L'ammissione al successivo anno di corso è subordinata alla consegna e all'approvazione di almeno un capitolo della tesi di dottorato.



Elenco dei corsi/attività terzo anno


Eventuali maggiori informazioni per le voci sopra elencate

Il terzo anno di corso è dedicato prevalentemente al completamento della ricerca e alla redazione dell'elaborato finale. La partecipazione alle attività seminariali sarà perciò ridotta al fine di consentire ai dottorandi di approfondire la conoscenza delle tematiche indagate e pervenire a risultati interessanti, originali e analizzati con senso critico. Gli iscritti al terzo anno sono comunque tenuti a partecipare alle attività didattiche generali organizzate dal Dottorato (Convegni, cicli seminariali tenuti da docenti esterni, Lezioni magistrali).

Modalità di ammissione all'esame finale

Per essere ammessi a sostenere l'esame finale, i dottorandi iscritti al terzo anno di corso dovranno presentare il proprio elaborato entro la scadenza fissata dal Collegio dei docenti. Tale elaborato sarà sottoposto alla valutazione di due referee esterni e poi al Collegio dei docenti che, previo parere del tutor o dei tutor chiamati a seguire l'andamento del progetto, deciderà dell'ammissione all'esame finale.

Modalità di svolgimento dell'esame finale

L'esame finale consisterà in una discussione pubblica dell'elaborato finale prodotto di fronte alla Commissione nominata su proposta del Collegio dei docenti, secondo le modalità previste. I Commissari dovranno accertare il livello di conoscenza e competenza critica raggiunto dai dottorandi nello sviluppo del proprio percorso di ricerca e l'originalità dei risultati complessivamente conseguiti.

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma