Offerta formativa programmata


Elenco dei corsi/attività primo anno

titolocrediti
Elaborazione di piani sperimentali nelle attuali metodologie di ricerca in Psicologia clinica 10
Metodologie statistiche applicate alla ricerca in Psicologia (Panoramica funzionale della statistica in psicologia; la misurazione in psicologia; principi generali sul metodo sperimentale: disegni di ricerca sperimentali, quasi sperimentali, correlazionali) 10
Metodologie di analisi e metanali della letteratura 5
Strumenti e analisi dei dati qualitativi in psicologia clinica 5
Strumenti e metodologie per la realizzazione di rassegne bibliografiche 4
SEMINARIO: "Online sexuality: the past, the present and the future" (Prof. Kristian Daneback, University of Gothenburg, Sweden) 2
SEMINARIO: "L'alessitimia come fattore di rischio trasversale per la patologia mentale e somatica" (Prof. Olivier Luminet dell'Université Catholioque de Louvain) 2
SEMINARIO: "New Frontiers in the developmental science" (Prof. Tricia Striano, Hunter College, Department of Psychology, New York) 2
SEMINARIO: "Vulnerability and growing in PTSD" (Prof. Andreas Maercker, University of Zurich) 2
SEMINARIO: "Intergenerational trasmission of psychopathology" (Prof. Peter J. Cooper, University of Reading) 2
SEMINARIO: "Psychosocial development in children" (Prof. Lynne Murray, University of Reading) 2
SEMINARIO: "Research in dynamic and analytical psychology: empirical research" (Prof. Christian Roesler, Rechenzentrum Albert-Ludwigs Universitat- Freiburg) 2
SEMINARIO: "Regolazione affettiva nella depressione infantile" (Prof. Maria Kovacs, University of Pittsburgh, USA) 2
SEMINARIO: "L'inclusione scolastica nelle disabilità psico-fisiche: una proposta di intervento" (Prof. Tantiburlò Elena, Università di Malta) 2
SEMINARIO: "Come fare rete con i servizi sociali" (Prof Jurgen Ambruster, Evangelische Hochscule Ludwigsburg) 2
Teoria e modelli di ricerca in Psicologia Clinica (Prof Pietro Porcelli, Università degli Studi di Chieti) 6

Eventuali maggiori informazioni per le voci sopra elencate

Oltre alle specifiche attività formative previste, i dottorandi saranno invitati a partecipare a seminari e convegni in linea con gli obiettivi del dottorato di Psicologia Dinamica e Clinica.

Modalità di scelta del soggetto della tesi

A ciascun dottorando viene chiesto di individuare un tema di ricerca che sarà oggetto della tesi finale di dottorato coerentemente con le linee formative che lo connotano.

Modalità delle verifiche per l'ammissione all'anno successivo

Entro giugno i dottorandi dovranno presentare un report di 8-­10 pagine, contenente una bibliografia
ragionata del tema di ricerca scelto e una prima articolazione del progetto di ricerca in cui 
intendono impegnarsi. Il report deve essere approvato dal tutor che è sempre un membro interno al
Collegio dei Docenti. Entro ottobre i dottorandi presenteranno oralmente (10 slides) e su CD una relazione sulla definizione delpiano di ricerca al Collegio dei Docenti, per l’ammissione al secondo anno.
Il Collegio in quella occasione valuterà anche la scelta del cotutor che può essere indicato dall’allievo tra gli esperti della comunità scientifica nazionale e/o internazionale 
sul tema di ricerca da lui scelto. Al termine di ogni anno i dottorandi sono tenuti a consegnare al Coordinatore una breve relazione in cui emerga l’impegno svolto sull’attività didattica offerta dal dottorato,sull’attività scientifica 
nel progetto di tesi, su altre attività formative seguite, su eventuali soggiorni di studio all’estero
e partecipazioni a convegni nazionali e/o internazionali.



Elenco dei corsi/attività secondo anno

titolocrediti
Metodologie statistiche: analisi delle corrispondenze, analisi discriminante, analisi fattoriale esplorativa e confermativa, modello lineare e generale, misure ripetute e modelli misti 10
Metodologia della ricerca e applicazioni ai progetti di ricerca condotti dagli allievi 10
Strutturazione e stesura di research paper nazionali e internazionali 10
Metodologie statistiche: modelli di regressione multipla (principi generali per la stima dei coefficienti con il metodo dei minimi quadrati, statistiche del fit del modello, coefficienti di regressione non standardizzati e standardizzati), equazioni strutturali, modelli multilivello per dati longitudinali 10
SEMINARIO: "Online sexuality: the past, the present and the future" (Prof. Kristian Daneback, University of Gothenburg, Sweden) 2
SEMINARIO: "L'alessitimia come fattore di rischio trasversale per la patologia mentale e somatica" (Prof. Olivier Luminet dell'Université Catholioque de Louvain) 2
SEMINARIO: "New Frontiers in the developmental science" (Prof. Tricia Striano, Hunter College, Department of Psychology, New York) 2
SEMINARIO: "Vulnerability and growing in PTSD" (Prof. Andreas Maercker, University of Zurich) 2
SEMINARIO: "Intergenerational trasmission of psychopathology" (Prof. Peter J. Cooper, University of Reading) 2
SEMINARIO: "Psychosocial development in children" (Prof. Lynne Murray, University of Reading) 2
SEMINARIO: "Research in dynamic and analytical psychology: empirical research" (Prof. Christian Roesler, Rechenzentrum Albert-Ludwigs Universitat- Freiburg) 2
SEMINARIO: "Regolazione affettiva nella depressione infantile" (Prof. Maria Kovacs, University of Pittsburgh, USA) 2
SEMINARIO: "L'inclusione scolastica nelle disabilità psico-fisiche: una proposta di intervento" (Prof. Tantiburlò Elena, Università di Malta) 2
SEMINARIO: "Come fare rete con i servizi sociali" (Prof Jurgen Ambruster, Evangelische Hochscule Ludwigsburg) 2

Eventuali maggiori informazioni per le voci sopra elencate

Oltre alle specifiche attività formative previste, i dottorandi saranno invitati a partecipare a seminari e convegni in linea con gli obiettivi del dottorato di Psicologia Dinamica e Clinica.

Modalità di preparazione della tesi

Avanzamento del progetto di ricerca impostato il primo anno, finalizzato alla conclusione della messa a puntodelle procedure degli strumenti da utilizzare e la raccolta del campione. In particolare, per la preparazione della tesi nel corso del secondo anno di dottorato, gli allievi sono 
sollecitati a trascorrere un periodo di studio all'estero o presso istituti di ricerca nazionali di 
specifico interesse per il progetto di ricerca da svolgere.


Modalità delle verifiche per l'ammissione all'anno successivo

Entro giugno i dottorandi dovranno presentare un report di 10 pagine sullo stato di avanzamento del 
progetto di ricerca, evidenziando eventuali criticità metodologiche ai fini del raggiungimento
dei risultati previsti. Il report deve riportare una valutazione del tutor e del cotutor. Entro ottobre i dottorandi presenteranno oralmente (10 slides) e su CD il lavoro di ricerca svolto al 
Collegio dei Docenti, ai fini dell’ammissione al terzo anno. Al termine di ogni anno i dottorandi sono tenuti a consegnare al Coordinatore una breve relazione in cui emerga l’impegno svolto nell’attività didattica, nell’attività scientifica, nel progetto di tesi,
su altre attività formative seguite, su eventuali soggiorni di studio all’estero e partecipazioni 
a convegni nazionali e/o internazionali. I docenti del dottorato forniranno dei pareri scritti sul profitto dei singoli dottorandi.



Elenco dei corsi/attività terzo anno

titolocrediti
Placement di research paper e review già condotti dagli allievi 10
Metodologie e strumenti per svolgere metanalisi con esempi già condotti dagli allievi 10
Metodologie di referaggio: come rispondere e come svolgere una revisione con esempi di paper già pubblicati dagli allievi 10
Modelli di equazioni strutturali in psicologia con esplicito riferimento ad analisi già condotte dagli allievi 10
SEMINARIO: "Online sexuality: the past, the present and the future" (Prof. Kristian Daneback, University of Gothenburg, Sweden) 2
SEMINARIO: "L'alessitimia come fattore di rischio trasversale per la patologia mentale e somatica" (Prof. Olivier Luminet dell'Université Catholioque de Louvain) 2
SEMINARIO: "New Frontiers in the developmental science" (Prof. Tricia Striano, Hunter College, Department of Psychology, New York) 2
SEMINARIO: "Vulnerability and growing in PTSD" (Prof. Andreas Maercker, University of Zurich) 2
SEMINARIO: "Intergenerational trasmission of psychopathology" (Prof. Peter J. Cooper, University of Reading) 2
SEMINARIO: "Psychosocial development in children" (Prof. Lynne Murray, University of Reading) 2
SEMINARIO: "Research in dynamic and analytical psychology: empirical research" (Prof. Christian Roesler, Rechenzentrum Albert-Ludwigs Universitat- Freiburg) 2
SEMINARIO: "Regolazione affettiva nella depressione infantile" (Prof. Maria Kovacs, University of Pittsburgh, USA) 2
SEMINARIO: "L'inclusione scolastica nelle disabilità psico-fisiche: una proposta di intervento" (Prof. Tantiburlò Elena, Università di Malta) 2
SEMINARIO: "Come fare rete con i servizi sociali" (Prof Jurgen Ambruster, Evangelische Hochscule Ludwigsburg) 2

Eventuali maggiori informazioni per le voci sopra elencate

Oltre alle specifiche attività formative previste, i dottorandi saranno invitati a partecipare a seminari e convegni in linea con gli obiettivi del dottorato di Psicologia Dinamica e Clinica.

Modalità di ammissione all'esame finale

Conclusione del progetto di ricerca, elaborazione dati e stesura della tesi di dottorato. Entro giugno i dottorandi dovranno presentare un report di 10 pagine sui risultati ottenuti, evidenziando le possibilità di lettura clinica e le ricadute applicative. 
Il report deve riportare una valutazione del tutor e del cotutor, ai fini dell’accesso all’esame finale di dottorato. Sempre entro giugno il Coordinatore si assicura che, sentito il Collegio, vengano individuati i valutatoriesterni (in rapporto alla numerosità dei dottorandi), che dovranno esprimere un giudizio 
sulle tesi dei dottorandi, ai fini dell'ammissione all'esame finale.  Entro ottobre i dottorandi dovranno consegnare la tesi ai valutatori esterni.  Entro il 15 dicembre i valutatori esterni dovranno formalizzare il proprio giudizio per consentire le 
operazioni di ammissione all’esame finale e la discussione della tesi oppure il rinvio 
fino ad un massimo di 6 mesi a decorrere da tale data.  Al termine dell'ultimo anno i tutor sono tenuti a consegnare al Coordinatore una breve relazione in cui 
emerga l’impegno svolto sull’attività del dottorando, sull’attività scientifica inerente
il progetto di tesi, sulle attività formative seguite, su eventuali soggiorni di studio all’estero
e partecipazioni a convegni nazionali e/o internazionali in cui sono stati presentati i dati ricavati dalla ricerca di dottorato. I tutor forniranno un giudizio scritto sul profitto di ciascun candidato. Entro il 28 febbraio i dottorandi dovranno discutere la tesi e conseguire il titolo di dottore di ricerca. 


Modalità di svolgimento dell'esame finale

L'esame finale si svolgerà sotto forma di presentazione pubblica della tesi di fronte ad una commissione, composta da tre membri provenienti da altre Università nominata dal Collegio dei Docenti
e deliberata dal Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica. 
I commissari riceveranno una copia della tesi almeno un mese prima della presentazione e dovranno 
accertare l'idoneità dei candidati in seguito alla loro discussione.

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma